Passa ai contenuti principali

Diamanti da Investimento

Diamanti da investimento

Investire in diamanti è un’ottima opportunità per chi vuole diversificare il proprio portafoglio senza correre rischi, scegliendo un bene che, storicamente, si è sempre rivalutato coprendo inflazione e svalutazione.

Parlare di investimento in diamanti significa proporre l’investimento nel bene rifugio per antonomasia:

Volendone schematizzare le caratteristiche, si può dire che:

1. E' il bene rifugio per antonomasia: l'investimento in diamanti va visto in ottica di diversificazione, in cui allocare non più del 10% - 20% del portafoglio, con un orizzonte temporale medio-lungo per una certezza di guadagno.

2. Ha una crescita costante: cresce costantemente dell’ 1 - 1,5% oltre l'inflazione annua e mediamente ha un rendimento del 4 - 4,5% all'anno.

3. E' un mercato sicuro: il mercato del diamante è estremamente stabile non essendo influenzato da crisi economiche, politiche e sociali, guerre o terremoti; non è legato a nessuna economia nazionale, ma è internazionale e sicuro.

4. E' un prodotto esentasse: il diamante non paga tasse, non ci sono costi di entrata e/o di gestione, non c'è capital gain, non ci sono bolli.

5. E' un bene al portatore: il diamante è al portatore ed è trasparente di fronte al fisco.

6. Il disinvestimento è certo: in caso di disinvestimento (vendita del diamante precedentemente acquistato) il piazzamento sul mercato è statisticamente considerato certo* nel termine di 30 giorni, questo in ragione del fatto che essendo un bene sovranazionale e riconosciuto a livello internazionale, può essere smobilizzato in qualsiasi parte del mondo.

7. E' un bene reale: i diamanti vengono consegnati fisicamente all'investitore, è un investimento tangibile.

* Il lasso di tempo varia a seconda delle specifiche caratteristiche del diamante.
Top